World Food

RSS
cucina-giapponese

Ricetta Tempura

Ricetta Tempura

TempuraLa Tempura è una ricetta tipicamente giapponese a base di frutti di mare o verdura impastellati e fritti.

La pastella è fatta con acqua fredda e farina di frumento, a cui possono essere aggiunte uova, bicarbonato di sodio, olio, amido e spezie di vario tipo. Tradizionalmente, la pastella per la tempura viene mescolata per pochi secondi in ciotole utilizzando le bacchette usate anche per mangiare, lasciando così dei grumi che, grazie anche alla bassa temperatura dell’acqua usata per mescolare gli ingredienti, fa sì che una volta fritta la pastella risulti comtemporaneamente morbida e croccante.

La Tempura venne introdotta in Giappone verso la metà del sedicesimo secolo ad opera dei missionari e mercanti portoghesi. La parola “tempura” viene dal latino “tempora”, ovvero “tempi”, stando ad indicare i giorni della settimana in cui i cristiani non mangiavano carne. Questa parola, divenne molto utilizzata soprattutto nel sud del Giappone, dove i ristoranti indicavano con tempora / tempura appunto fritti di verdure e di pesce (quindi rigorosamente non carne).
Fuori dal Giappone, la tempura (specialmente quella di gamberi) viene spesso utlizzata come ripeno di alcuni tipi di sushi.

Ma vediamo quindi la ricetta della pastella, tenendo presente che è possibile utilizzarla su verdura (carote, zucchine, funghi) o frutti di mare (gamberetti, calamari)

Ingredienti per 4 persone


Olio per frittura
1 uovo
1 tazza di acqua molto fredda
230 gr di farina di frumento

Sbattete l’uovo in una ciotola. Aggiungete quindi l’acqua nella ciotola (è molto importante che l’acqua sia quasi ghiacciata, da questo dipende la croccantezza della pastella una volta fritta).

Ora aggiungete la farina di frumento e continuate a mescolare dolcemente usando sempre le bacchette e facendo molta attenzione a non mescolare troppo.

A questo punto scaldate l’olio in un pentolino fondo (o meglio, scaldate la friggitrice) e, una volta caldo, inzuppate leggermente gli ingredienti nell’impasto e metteteli a friggere. Ricordate che la verdura impiega più tempo a friggere rispetto ai frutti di mare.

Una volta fritti estraeteli dalla friggitrice o dalla padella, asciugate in un panno di carta e servite.

Buon appetito!

Commenta la ricetta