World Food

RSS
cucina-spagnola

Ricetta Pulpo a la Gallega

Ricetta Pulpo a la Gallega

Pulpo a la GallegaIl Pulpo a la Gallega (Polipo alla Galiziana, chiamato anche Polbo á feira) è un piatto tradizionale della Galizia il cui consumo si è generalizzato in tutto la Spagna. Si tratta di un piatto presente in tutte le feste Galiziane, da cui prende il suo nome “á feira“. In Argentina, e in particolar modo nella regione centrale (e di questa regione principalmente a Buenos Aires e le provincie di Buenos Aires e Santa Fe), è frequente il suo consumo durante la Settimana Santa.

E’ un piatto che nonostante sia abbastanza semplice da preparare, necessita di un’attenzione particolare (e qui nasconde il suo segreto) affinchè il polipo rimanga morbido. Se non dovesse essere così, conserverà comunque il suo magnifico sapore ma non avrà lo stesso successo tra i commensali.

Pertanto, la nostra principale occupazione sarà di rendere morbida la carne, o “spaventarlo” come si suole dire in gergo. Per questo ci sono due metodi tradizionali:

– Battere ripetutamente il polipo con qualcosa di duro fino a quando non notiamo che la carne diventa più tenera.

– Congelarlo due giorni prima. Ciò che cerchiamo di ottenere è che i tessuti si rompano: il polipo contiene molta acqua, per cui nel congelarlo si converte in un blocco di ghiaccio che tende ad espandersi, facendo sì che i nervi si rompano. Quando lo andremo a cucinare, lo lasceremo scongelare per una giornata.

Quando arriva il momento di cucinarlo e anche qui abbiamo a che fare con una tecnica tradizionale, conosciuta come “spaventare” il polipo.

Vediamo quindi la ricetta di questo piatto:

Ingredienti (per 4 persone):


– Un polipo di circa 2 chili
– 1/2 chilo di patate
Sale grosso
– 6 cucchiai di olio extra vergine di oliva
Peperoncino piccante
Peperoncino dolce
– Mezza cipolla

Una volta reso tenero il polipo, mettiamo a bollire acqua in una pentola insieme alla cipolla. Quando comincia a bollire, prendiamo il polipo per i tentacoli e immergiamolo tre volte di seguito nell’acqua bollente (questo è il significato di “spaventare” il polipo), dopodichè lo immergiamo definitivamente nell’acqua affinchè cuocia.

Lasciamolo nell’acqua bollente per circa 50 minuti (approssimativamente per ciascun chilo servono 20 / 25 minuti). Mentre si cuoce, peliamo e tagliamo le patate a rondelle.

Quando il polipo è cotto, lo lasciamo riposare per 15 minuti. Quindi lo togliamo dalla pentola e cuociamo le patate nella stessa acqua dove abbiamo cotto il polipo. Nel frattempo, tagliamo anche il polipo a rondelle. Una volta cotte le patate cominciamo con la presentazione. Per prima cosa, su di un piatto o su un tagliere in legno, distribuiamo le patate. Sopra, mettiamo il polipo e successivamente versiamo l’olio di oliva.

Come tocco finale spoliveriamo il peperoncino dolce mischiato a quello piccante e un pizzico di sale grosso.

fonte: Sabor Gourmet
immagine: herr_kaneador

Commenta la ricetta