World Food

RSS
cucina-vietnamita

Ricetta Pho Tai

Ricetta Pho Tai

Pho TaiIl Pho è una zuppa vietnamita a base di carne e spaghetti di riso. Viene servita solitamente in ciotole con brodo limpido, rice noodles (spaghetti di riso) e piccole listarelle di carne, generalmente lombo, vitello o punta di petto. Altre varianti possono essere preparate con trippa, polpette, pollo e anche interiora di quest’ultimo.

Questo piatto è nato nel Vietnam del Nord intorno alla metà degli anni 50 e si è poi diffuso in tutto il paese, dopo la sconfitta dei colonizzatori francesi e la divisione del paese in due. Il governo comunista del Nord durante quegli anni, chiudeva gli esercizi commerciali privati che preparavano questa prelibata pietanza, per rimpiazzarli con altri controllati direttamente dallo Stato. Nel Sud del paese, invece, i ristoranti che preparavano il Pho si diffusero ampiamente, soprattutto a Shangai.

Secondo alcuni l’origine di questo piatto è legate alle preparazioni di piatti francesi come il Bouillon o la Consommè: le mucche erano infatti, prima dell’arrivo dei francesi sul territorio, animali considerati molto utili in agricoltura e non venivano quindi mangiati. I francesi, con il loro gusto europeo, hanno introdotto questo animale nella dieta vietnamita.

Vediamo quindi la ricetta di questo piatto:

Ingredienti


– 1,3 kg di coda di bue
– 900 gr di magatello
– 2 pacchi di spaghetti di riso (450 gr circa)
– 1 cipolla bianca
– 6 cipolle verdi
– 8 scalogni
– 4 cm di radice di zenzero
– 120 gr di basilico
-240 gr di foglie di cilantro
– 1 lime
pepe
– ½ cucchiaino di semi di finocchio
– 1 punta di anice
– 12 spicchi d’aglio
– 2 foglie di alloro
– 1 bastoncino di cannella
– 5 dadi di brodo di pollo
– 1 cucchiaio di zucchero
sale
– 1 cucchiaio di salsa di pesce
Salsa Hoisin
Salsa Sriacha

Premessa: la salsa di pesce, quella di Hoisin e di Sriacha (tipo chili, piccante) si possono acquistare già pronte in negozi che vendono prodotti tipici asiatici ed orientali.

Portare ad ebollizione una pentola piuttosto grande di acqua (tipo una decina di litri). A parte tagliare la testa degli scalogni, lasciando la buccia intatta, stessa cosa anche per lo zenzero. In una padella fare andare questi due ingredienti, fino a che lo scalogno non è leggermente carbonizzato e lo zenzero è soffice (circa 15 minuti). Pestare lo zenzero fino a che non è maciullato e, insieme allo scalogno, aggiungerlo all’acqua in ebollizione.

Mescolare quindi il finocchio, l’alloro, la cannella, l’anice e l’aglio e aggiungerli all’acqua in ebollizione insieme alle code di bue. Coprire il tutto e cuocere a fuoco medio-alto, mantenendo un leggero bollore per almeno 4 ore. Ogni due ore, con l’aiuto di un mestolo, togliere il grasso che si sarà formato sulla superficie..per rendere il piatto più leggero e gradevole.

Aggiungere ora i dadi di pollo, lo zucchero, un pizzico di sale e un cucchiaio di salsa di pesce e cuocere ancora per 1 ora. Filtrare quindi il tutto, per ottenere un brodo completamente liquido.

Una ventina di minuti prima che il brodo sia pronto, immergere in acqua fredda gli spaghetti di riso e congelare il magatello, così sarà più facile tagliarlo a listarelle.

Consiglio: In un piatto da portata adagiare il lime, il cilantro, il basilico, il pepe, le cipolle verdi e le due salse non ancora utilizzate (Hoisin e Sriacha). Tutte queste spezie e condimenti dovranno essere sistemati a centro tavola, in modo che ogni commensale possa insaporire la sua zuppa nella sua ciotola come meglio preferisce!

In un pentola quindi portare a bollore acqua e due cucchiai di sale e cuocere gli spaghetti per 1 minuto e mezzo massimo. Una volta scolati trasferirli già nelle singole ciotole, che si useranno per servire il piatto.

Aggiungere ad ogni ciotola, dopo gli spaghetti, un paio di fette di cipolla bianca, 50gr circa di magatello crudo tagliato a strisce fini e 3 o 4 mestolate di brodo (dipende dal gusto personale). La carne cruda si cuocerà leggermente con il calore del brodo e degli spaghetti di riso.

fonti: Wikipedia, Recipezaar
immagine: azgalameau

Commenta la ricetta