RSS
cucina-italiana

Ricetta Cotoletta alla Milanese

Ricetta Cotoletta alla Milanese

Cotoletta alla MilaneseLa cotoletta è IL piatto milanese per eccellenza, tanto che forse solo il riso allo zafferano con l’ossobuco gode di una fama quasi equiparabile (forse anche il panettone, ma è un dolce!). Peraltro la milanese è uno dei piatti preferiti dai bambini!

Solitamente la cotoletta è una fetta di lombata di vitello con l’osso impanata e fritta nel burro. Non fatevi imbrogliare, mi raccomando: la vera cotoletta alla milanese deve essere rigorosamente fritta nel burro e non nell’olio come molti ristoranti propongono oggi, per far risultare il piatto più appetibile a quelli che “guardano le calorie” o ai movimenti “il grasso animale fa male!”. Il burro fuso andrebbe versato anche sul piatto prima di servirlo, ma ormai una spruzzata di limone è la regola.

L’origine di questo piatto è oggetto di una disputa che ancora oggi non ha trovato soluzione. Italia e Austria infatti si contendono la paternità di questo piatto: secondo gli italiani, gli austriaci hanno appreso la preparazione della cotoletta dai cuochi italiani che lavoravano per i reggimenti austriaci d’istanza in Italia nel diciottesimo secolo. Il generale Radetzky, vuole questa teoria, ritornò quindi in Austria dopo la sua lunga residenza nel lombardo-veneto con la ricetta. Il piatto meneghino, per la controparte invece, sarebbe solo una versione “copiata” della Wiener Schnitzel, la cotoletta austriaca.

Vediamo quindi la ricetta di questo piatto:

Ingredienti


– 4 fette di lombata di vitello (con l’osso, ovviamente)
– 2 uova sbattute
– ½ tazza di pangrattato, leggermente tostato nel forno
– ½ tazza di burro (meno se volete usare una padella anti-aderente)

Premessa: togliere quanto più grasso possibile dai bordi della cotoletta, altrimenti quando si passerà alla fase di frittura, le parti grasse si arricceranno tutte.

A questo punto salare leggermente i due lati della carne e quindi intingere la lombata prima nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato .Se volete una panatura degna di questo nome consigliamo di ripete l’operazione un paio di volte.

In una padella, meglio se anti-aderente, sciogliere il burro e friggere ad una ad una le cotolette finchè non saranno ben dorate da entrambi i lati.

Siccome ci piace fornirvi varianti interessanti del piatto che proponiamo, oggi ve ne regaliamo due. Durante le calde estati, friggete le cotolette e lasciatele poi raffreddare. A parte preparate un trito di pomodorini ciliegini, basilico, olio, sale e pepe. Cospargete il tutto poi sulle cotolette fredde.

Per l’inverno invece vi consigliamo la cotoletta con le cipolle in scapece. Fate andare in una padella delle cipolle (la quantità va in base a quante milanesi fate) con un poco di olio fino a che non sono ben dorate. Una volta tolte dal fuoco aggiungere 2 cucchiai di aceto e mezzo di zucchero e mescolare. Adagiate il tutto, anche in questo caso, sulle cotolette, questa volta tiepide.

fonti: Wikipedia, About.com

Commenta la ricetta